Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, corso di ritratto nella Contrada del burro

Presso lo spazio ''C’era ancora una volta… attraverso l’artigianato storico''
Articolo pubblicato il 09-01-2018 alle ore 14:51:22
Varallo corso di ritratto nella Contrada del burro 3
Al termine del corso i partecipanti mostrano i loro disegni

Meglio di così, forse, non sarebbe potuta andare la prima edizione del corso di ritratto organizzato nella storica “Contrada del burro”. A fine dicembre, all’interno dello spazio denominato “C’era ancora una volta… attraverso l’artigianato storico”, ubicato in una delle zone più antiche della città e creato da un gruppo di artigiani e artisti per condividere con il pubblico le proprie passioni e per mostrare il proprio lavoro, si è tenuto un workshop dedicato al ritratto. Il corso è stato tenuto da Milena Rosa Paro, artista specializzata nella pittura su materiali diversi, originali e unici, e ha suscitato molto interesse vedendo la partecipazione di una decina di iscritti che hanno potuto mettere in pratica, nei due giorni di workshop per un totale di 16 ore, gli insegnamenti della docente e realizzare un ritratto.

Il lavoro è consistito nel riprodurre con la tecnica a grafite, utilizzando matite e carboncino su un cartoncino bianco, il volto di una donna tratto da una fotografia. Il corso, aperto a tutti e senza limiti d’età, è stato molto apprezzato dai partecipanti che si sono portati a casa il ritratto da loro eseguito.

«Sono davvero molto soddisfatta - dichiara Paro -: i partecipanti sono stati molto contenti del loro lavoro e i risultati sono stati notevoli. Non è facile dedicarsi al disegno per otto ore consecutive intervallate soltanto da una piccola pausa, ma loro lo hanno fatto con passione. Vi ha preso parte anche una ragazza di 13 anni ed è stato molto bello vedere tutto il suo entusiasmo e impegno. Vista la volontà e il grande interesse nel periodo estivo, dopo maggio, verrà organizzato un secondo workshop sempre dedicato al ritratto in cui è previsto di lavorare all’aperto. Verranno inoltre utilizzate altre tecniche quali l’utilizzo del cartoncino grigio e di pennarelli neri e bianchi».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...