Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo: anche il sindaco chiede l'allontanamento dell'uomo violento

Nel paesino sono quaranta persone, su sessanta residenti, a desiderare di tornare a vivere nella tranquillità come è sempre avvenuto
Articolo pubblicato il 01-12-2017 alle ore 10:28:38
Varallo: anche il sindaco chiede l'allontanamento dell'uomo violento  1
Varallo: anche il sindaco chiede l'allontanamento dell'uomo violento 1

Il sindaco di Varallo interviene per la questione di Morca e scrive al questore e al prefetto di Vercelli. Nella piccola frazione varallese è scattata una raccolta firme da parte dei residenti allarmati dal comportamento di un loro concittadino con precedenti, che ha già dato parecchi problemi in paese. Dopo una condanna per minacce, il giovane è tornato libero con l’obbligo di rimanere in casa alla sera, ma è solo una misura restrittiva e in paese c’è apprensione. Tant’è che i cittadini si sono mobilitati e hanno promosso una raccolta di firme da inviare in procura e agli organi competenti, chiedendo che quella persone venga allontanata. E anche l’amministrazione comunale si è mossa in tale direzione. «Questa persona è proprietaria di un’abitazione a Morca e quindi non risulta senza fissa dimora, per cui io non posso allontanarla - spiega il primo cittadino -, ma ho già provveduto a informare chi di dovere. Ho infatti sollecitato la Questura e la Prefettura affinché si valuti di trasferire altrove quest’uomo, in modo che nella piccola frazione possa finalmente tornare la calma e la serenità».

Nel paesino sono quaranta persone, su sessanta residenti, a desiderare di tornare a vivere nella tranquillità come è sempre avvenuto fino a non molto tempo fa. Del resto è ciò che si aspetta, e giustamente pretende, chi decide di vivere in un piccolo borgo di montagna rimasto pressoché intatto nei secoli com’è quello di Morca.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...