Notizia Oggi

Stampa Home

Valduggia, nonna Emilia è arrivata a 101 anni

Pochi giorni fa la festa
Articolo pubblicato il 11-11-2017 alle ore 13:57:00
Valduggia, nonna Emilia è arrivata a 101 anni 1
Valduggia, nonna Emilia è arrivata a 101 anni 1

Nonna Emilia Dongilli è una delle più anziane della Valsesia. Pochi giorni fa ha compiuto 101 anni. Nata a Cellio il 3 novembre 1916, dopo il matrimonio con Carlo Bassetta la donna si è trasferita a Valduggia, e da lì non si è più spostata. Dalle nozze celebrate il 26 dicembre 1939 sono nati i figli Giovanni e Giuliana. Rimasta vedova nel 1964, dopo il matrimonio dei due figli ha scelto di abitare da sola, e lo continua a fare ancora oggi, nella casa di via Imbrico, nonostante abbia superato i cent’anni: «Mamma tiene molto alla sua indipendenza - dice la figlia Giuliana -: l’idea di vivere con me o con mio fratello non la accetterebbe, e nemmeno avere una badante in casa tutto il giorno. Con fatica ha accolto la presenza di una donna che resta da lei per la notte, arriva dopo cena e se ne va prima di colazione; è una presenza necessaria per garantire sicurezza nelle ore notturne a lei, e soprattutto a noi. Mamma è sempre stata una donna dal carattere forte: è riuscita ad allevare me e mio fratello praticamente da sola, senza chiedere mai nulla a nessuno. Anche al lavoro si è sempre messa di impegno per far sì che non ci mancasse mai nulla».

Dopo aver lavorato per parecchi anni alla Ragno di Valduggia e alla Manifattura di Borgosesia, Dongilli ha proseguito la professione da sarta lavorando in casa. Soltanto da una decina di anni ha smesso di cucire. Non ha ancora però smesso di fare i lavori domestici: «Non rinuncia a stirare, a fare ordine e a cucinare - conclude la figlia -: provo anche a portargli piatti che preparo io, ma non li gradisce perchè ritiene che i suoi siano migliori».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...