Notizia Oggi

Stampa Home

Valduggia: addio alla maestra Rosa Angela, per 40 anni dietro la cattedra

Lutto
Articolo pubblicato il 16-12-2017 alle ore 12:44:26
Valduggia: addio alla maestra Rosa Angela, per 40 anni dietro la cattedra 2
Rosa Angela Albertinotti

Per oltre quarant’anni Rosa Angela Albertinotti aveva insegnato a leggere e a scrivere alle scuole elementari di Valduggia. La storica insegnante è morta qualche giorno fa all'età di 87 anni all’ospedale di Borgomanero dove era stata ricoverata per un problema respiratorio. Nata il 27 maggio 1930 a Valduggia, Albertinotti ha dedicato praticamente tutta la vita all’insegnamento: «Per nostra zia insegnare e stare vicino ai bambini non era semplicemente un lavoro, ma molto di più - ricordano le nipoti Maria e Giulia -: non ha mai potuto fare a meno della scuola e soprattutto dei suoi alunni. Nonostante sia stata una maestra abbastanza esigente e seria, ha saputo farsi amare dai “suoi” bambini: anche al rosario e al funerale sono stati numerosi i suoi ex studenti venuti a portarle il loro saluto».

La maestra Albertinotti ha iniziato la carriera nell’insegnamento lavorando come maestra in alcune frazioni valduggesi, alla Colma (che raggiungeva in bicicletta), per poi arrivare alla scuola elementare del centro. Ed è stato lì che si è fermata per quarant’anni: «Amava andare a scuola e trasmettere nozioni e conoscenze ai bambini - continuano le nipoti -. Sosteneva che era necessario essere esigenti con gli alunni perché voleva che avessero una base solida ed educata, ma in realtà era molto buona. Faceva qualunque cosa affinchè tutti i bambini potessero ottenere buoni risultati, e ci riusciva senza alzare quasi mai la voce. Per il suo carattere, a tratti forte e a tratti dolce, è sempre stata amata dai bambini: alcuni anni fa un gruppo di ex alunni, in occasione del loro cinquantesimo compleanno, ha deciso di andare a trovarla a casa con una torta per festeggiare insieme alla loro maestra».

Oltre all’insegnamento, Rosa Angela Albertinotti aveva molti interessi: «Le piaceva andare in montagna, lo faceva ogni volta che ne aveva la possibilità. E poi amava leggere libri, e non rinunciava alla televisione. Le piaceva conoscere il passato e il presente di Valduggia e della Valsesia, passione che condivideva con il fratello Costanzo». Nubile e senza figli, la maestra ha sempre vissuto da sola in un casa adiacente a piazza Ferrari. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...