Notizia Oggi

Stampa Home

Un vino di Lessona tra i migliori del mondo

La società agricola produttrice del particolare vino si trova a Masserano
Articolo pubblicato il 29-11-2017 alle ore 08:56:28
Gugliemo Colombera e Cristiano Garella
Gugliemo Colombera e Cristiano Garella

Tra i migliori vini del mondo ne compare uno biellese. Si tratta del Lessona “Pizzaguerra” 2013 di Colombera & Garella  che si è collocato al 12° posto assoluto e terzo vino italiano nella classifica di Wine Enthusiast. Nella selezione annuale dei cento migliori vini al mondo ("The Enthusiast 100 of 2017") lo specifico vino biellese ha sbaragliato nomi molto più quotati e altisonanti tra i 23.000 vini degustati.

Spiegano Cristiano Garella e Guglielmo Colombera: «Il nostro Lessona viene prodotto dalle uve provenienti da un piccolo vigneto di un ettaro situato in una delle migliori posizioni storiche del comune di Lessona nel quale vengono coltivate esclusivamente uve Nebbiolo e Vespolina». L’approccio viticolo ed enologico dell’azienda è molto naturale: è bandito l’uso di erbicidi e concimi chimici e la fermentazione, con lieviti indigeni, avviene in vasche di cemento.

L’invecchiamento del Lessona 2013 si è svolto in legno francese per due anni. A luglio 2016 è stato imbottigliato, per un ristrettissimo numero di circa 4000 bottiglie.

La società agricola Colombera & Garella, situata a Masserano, coltiva 9,5 ettari di vigneti collocati nei comuni di Masserano, Lessona e Roasio. La prima annata di produzione è stata la 2010, con circa 2.000 bottiglie di Bramaterra Doc, è dunque una aziende relativamente giovane con nuove idee. Aggiungono i titolari: «Oggi siamo arrivati a produrre 25.000 bottiglie, nelle denominazioni storiche di Lessona, Bramaterra e Coste della Sesia». Quello conquistato è un ottimo risultato che premia del lavoro portato avanti con passione.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...