Notizia Oggi

Stampa Home

Torna all'asta l'ex ''Pipa'' di Prato Sesia

Per la sesta volta. C'è tempo sino alle 12.30 del 15 gennaio
Articolo pubblicato il 06-12-2017 alle ore 17:53:04
Torna all'asta l'ex ''Pipa'' di Prato Sesia 3
L'ex ''Pipa'' di Prato Sesia

Torna in vendita per la sesta volta il complesso dell’ex Pipa, a Prato Sesia. Il prezzo base di vendita è stato fissato in 900mila euro, mentre il prezzo minimo è di 675mila. «Si tratta di una possibilità offerta dalla legge da qualche anno – illustra la curatrice fallimentare Cinzia Marnati –, è possibile partecipare alla vendita offrendo il 75% del prezzo base e l’offerta viene considerata valida. In caso nessun altro offra di più, oppure non si presenti nessun altro, l’offerente se lo aggiudica. L’offerente, inoltre, mantiene comunque la possibilità di rilanciare se un altro partecipante presenta un’offerta più alta». La vendita sarà senza incanto, con la consueta asta al rialzo e l’aggiudicazione al migliore offerente.

Si tratta del sesto tentativo di vendita: i precedenti sono andati deserti e il prezzo, nel corso dei vari tentativi, si è notevolmente abbassato. Il primo, risalente all’inizio del 2011, vedeva un prezzo base di un milione e 950mila euro, basato sulla stima del perito: il ribasso, quindi, è decisamente marcato. L’area conta circa 24mila metri quadrati. Oltre al fabbricato principale e a quelli accessori, ci sono piscina e campi da tennis, da calcetto e da beach volley.

Quella de “La pipa” è una storia ormai nota: nel 2008 chiuse la discoteca “Summer cafè” all’interno del complesso, con il fallimento della Sabena, la società proprietaria. Nel 2009, invece, vide la sua ultima stagione di apertura la piscina. In un primo momento, si parlò della possibilità di acquisto congiunto da parte di un gruppo di Comuni per potere offrire ancora ai cittadini la possibilità di avere una piscina vicina, ma in seguito la situazione degli enti pubblici si fece più difficile e l’idea venne accantonata.

Oggi, chi ha conosciuto il locale nei suoi tempi d’oro probabilmente non può fare a meno di intristirsi vedendo l’area abbandonata. Sul web si è raccolto un gruppo di persone della zona speranzose di rivedere un domani “La pipa” agli antichi splendori. Una studentessa di un istituto di Gattinara, due anni fa, aveva anche immaginato per il complesso un futuro dedicato alla riabilitazione, con piscine e strutture apposite. Un’idea per un progetto scolastico che aveva ottenuto un premio e soprattutto destato curiosità e interesse in zona, dove sicuramente molti sarebbero lieti di vederla diventare realtà o comunque di vedere un futuro per l’area.

Le offerte possono essere presentate fino alle 12.30 del 15 gennaio 2018, mentre l’apertura delle buste e l’eventuale gara sono fissate per le 9 del mattino del giorno dopo. È ammessa solo la presenza degli offerenti. Nel frattempo, la curatrice è a disposizione per eventuali sopralluoghi e per spiegare le dinamiche della vendita.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...