Notizia Oggi

Stampa Home

Sizzano ha ricordato Giuseppe Paglino e le sue poesie

L'uomo è mancato nel 2013
Articolo pubblicato il 19-05-2017 alle ore 13:03:47
La famiglia Paglino
La famiglia Paglino

In "Poesie e storie" rivive Giuseppe Paglino, sizzanese di origine trapiantato nel Pavese. Nato nel 1928, mancato a settembre del 2013, ha lasciato nelle sue poesie molti ricordi del suo paese natale: pur essendosi trasferito per lavoro (faceva parte del personale viaggiante della ditta Necchi), l’uomo tornava sempre volentieri a Sizzano. Nei giorni scorsi la sua famiglia ha presentato il libro “Poesie e storie”: accompagnati dalla musica dei “Triesis”, i parenti hanno letto alcune delle sue opere. «Ho passato tanto tempo della mia infanzia a Sizzano e ho dei bellissimi ricordi» ha raccontato la figlia Elena. La donna ha ringraziato con una targa Alfonsina Bianchi, Maria Teresa Maggiore e Marta Carotenuto, rispettivamente nipote, pro-nipote e pro-pro-nipote di Giuseppe, per avere promosso la realizzazione del libro, il cui ricavato andrà a sostenere le attività della Pubblica Assistenza Gres.

Il volume apre una porta sulla quotidianità di Paglino: il sizzanese ha consegnato alla carta fedeli e intensi ritratti poetici della sua famiglia, come la nipote Alfonsina, allora bambina, sempre felice di vedere lo “Zio Peppino”, e la nipote “Chiaretta”, che ha ereditato dal nonno il suo carattere forte. I sizzanesi veraci hanno poi sicuramente riconosciuto i tanti luoghi del paese citati nella sua poesia dialettale, in cui immagina il Creatore al lavoro per progettare Sizzano. Non mancano, nella sua produzione, opere ironiche. «Era una persona dal carattere forte e molto generoso – ricordano i familiari – sosteneva l’Unicef con adozioni a distanza e aveva sempre con sé un cioccolatino da offrire e una barzelletta da raccontare». Paglino ha potuto condividere ben 61 anni di matrimonio con la sua Rosa Volpi: la famiglia si è allargata con due figli, due nipoti e due pronipoti, che oggi ricordano con affetto il nonno Giuseppe con la sua penna e l’immancabile pipa.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...