Notizia Oggi

Stampa Home

«Siamo pochi e senza soldi». A Borgosesia Mensa Amica rischia di chiudere

«Dopo il primo momento di euforia, le cose sono cambiate e siamo abbandonati a noi stessi»
Articolo pubblicato il 08-01-2018 alle ore 09:02:35
Un momento del pranzo natalizio al Centro incontro
Un momento del pranzo natalizio al Centro incontro

Il presidente del Centro incontro "Fratelli Allegra" di Borgosesia è preoccupato per il futuro di Mensa Amica: «Mancano volontari e soldi: è nostra intenzione proseguire, ma di questo passo c'è il rischio di dover sospendere l'attività».

Mensa Amica è nata quattro anni fa con l'obiettivo di garantire un pasto caldo (recuperando cibo in esubero dalle mense delle scuole e di aziende) alle persone in difficoltà economica, con disagi sociali o rimaste sole. Il servizio è proseguito, tanto da assicurare seimila pasti l'anno, per una media di una quindicina di ospiti al giorno. «Al progetto lanciato dall'amministrazione comunale e dalla Caritas abbiamo dato la nostra disponibilità come Centro incontro, sia ospitando come sede sia partecipando direttamente come personale - dice Giuseppe Bolcato, presidente del “fratelli Allegra” -. Purtroppo, dopo un primo momento di euforia nel quale c'erano aiuti economici da parte di enti, istituzioni, Fondazioni, associazioni, le cose sono cambiate e siamo rimasti abbandonati a noi stessi».

Il responsabile del Centro incontro elenca tutto ciò che è cambiato: «Il primo problema sono i volontari che materialmente preparano e servono i pasti: la Caritas fornisce due presenze settimanali, la Croce rossa che prima assicurava sino a sei presenze settimanali ora si è defilata per motivi di personale. Il risultato è che attualmente la mensa può contare su sei o sette volontari che si impegnano a turno durante tutta la settimana». Altra questione sono i soldi per il mantenimento del servizio: «I costi materiali della mensa sono di 12mila euro l'anno per il compenso della cuoca e l'acquisto di alimenti - evidenzia Bolcano -. Nel 2017 le entrate sono state appena 4.500 euro costituiti da buoni pasto di chi paga il pasto perchè ha un certo reddito, da piccoli contributi di aziende e cittadini e da mille euro di contributo dal Comune. Il disavanzo di 7.500 euro è coperto dal Centro anziani attingendo dai ricavi del consumo giornaliero di bevande, pranzi, cene, tombole e lotterie».

Anche la reperibilità dei prodotti sta venendo meno, costringendo i coordinatori ad acquistare i prodotti: «Un supermercato ci forniva di pane, verdure e altri prodotti in scadenza, ma dopo essersi trasferito si è defilato - prosegue il presidente del Centro “Allegra” -. La Caritas ci aveva delegato a raccogliere cibo in scadenza da un supermercato tre volte la settimana, ora serve a loro per le borse da distribuire agli indigenti. La Casa della mamma e del bambino manda cibo al mercoledì». La situazione si fa difficile: «Siamo veramente in difficoltà - conclude Bolcato -. Non vogliamo chiudere la mensa, ma è indispensabile una maggiore collaborazione e partecipazione attiva. Soprattutto dalla Caritas, dalle assistenti sociali e dall'assessore comunale. Le persone in difficoltà a Borgosesia sono tante, ben più di quelle che si rivolgono aMensa Amica: attiviamoci per dare loro un pasto caldo anzichè una borsa di cibo freddo e secco».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...