Notizia Oggi

Stampa Home

Serravalle saluta Edoardo: il paese immortalato nelle sue fotografie

Aveva 67 anni
Articolo pubblicato il 30-11-2017 alle ore 14:01:42
Serravalle saluta Edoardo: il paese immortalato nelle sue fotografie 3
Edoardo Milani

Serravalle piange Edoardo Milani. L’uomo, deceduto all’età di 67 anni qualche giorno fa, era molto conosciuto in paese. Prima di andare in pensione aveva lavorato in Cartiera. «Faceva il meccanico ed era un tuttofare - spiega la figlia Michela -. Aveva poi lavorato alla Ragno e infine in un’altra ditta di Serravalle». La sua grande passione era la fotografia: molti lo ricordano mentre indossava gli occhiali per regolare l’obiettivo e raccogliere con uno scatto uno scorcio di vita o di paesaggio. «E’ stato uno dei primi componenti del Circolo fotografico di Borgosesia - prosegue la figlia -. Gli piaceva molto scattare fotografie e partecipare alle uscite promosse dal gruppo. Condivideva questa passione con il suo miglior amico, Vincenzo Ippolito».

Tra i passatempi che il serravallese amava coltivare c’era poi anche la pesca e il gioco con le carte. «Spesso con suo cugino Giovanni Soncin prendeva il suo borsone per andare a pescare - prosegue Michela Milani  ed era proprio una passione che cercava di coltivare ogni volta che poteva. Amava inoltre giocare a carte con i suoi amici». Qualcuno ripensando a Milani lo rivede passeggiare lungo le principali vie di Serravalle con il sorriso, immancabilmente. 

«Era sempre solare – ricorda la figlia –, era un uomo di spirito che faceva sempre battute ironiche, ultimamente però stava combattendo contro un tumore che purtroppo se l’è portato via. Vorrei ringraziare a tal proposito tutti coloro che gli sono stati vicino ed in particolare l’infermiere Giovanni che gli ha prestato le cure domiciliari». Il serravallese lascia la moglie Piera, la figlia Michela, la nipote Gaia e le sorelle Elisabetta e Marisa.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...