Notizia Oggi

Stampa Home
Iniziativa

Presentati i cinque maestri del lavoro biellesi

Tutti riceveranno la “Stella al Merito del Lavoro”,
Articolo pubblicato il 20-04-2017 alle ore 07:44:41
La premiazione dei maestri
La premiazione dei maestri

Sono stati presentati all'Unione Industriale Biellese i cinque nuovi Maestri del Lavoro biellesi: Renato Costella dirigente alla Zegna Baruffa Lane Borgosesia, ex dirigente ora in pensione, Bartolomeo Dionisotto del Lanificio FratelliCerruti lavorando come impiegato ed ex operaio, Stefano Grossi, dirigente al Lanificio Fratelli Cerruti, Duilio Monti, impiegato in pensione alla Fratelli Fila e Paolo Tomasi, impiegato ed ex operaio ora in pensione al Lanificio Fratelli Cerruti.
La premiazione di tutti gli 85 insigniti piemontesi si terrà il prossimo 1° maggio al “Conservatorio Verdi” di Torino, alla presenza delle massime autorità regionali. Tutti riceveranno la “Stella al Merito del Lavoro”, concessa dal Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro del Lavoro.
L'ambita e prestigiosa onorificenza premia singoli meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale dei lavoratori dipendenti da imprese pubbliche o private. E' destinata a cittadini italiani che abbiano prestato attività lavorativa ininterrottamente per un periodo minimo di 25 anni alle dipendenze della stessa azienda o di aziende diverse.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...