Notizia Oggi

Stampa Home

Nathalie Ricotti guida il Comitato gemellaggio di Varallo

Articolo pubblicato il 24-10-2017 alle ore 18:44:55
Nathalie Ricotti guida il Comitato gemellaggio di Varallo 3
Nathalie Ricotti

Passaggio del testimone al Comitato Gemellaggio del Comune di Varallo. Il neoeletto consigliere comunale Nathalie Ricotti succede a Paola Riolo, precedente responsabile del Comitato.

Le sue origine valsesiane, e più precisamente cervarolesi da parte di padre, si intrecciano favorevolmente con quelle francesi da parte di madre.

«Ringrazio Paola Riolo che mi ha preceduta per tutto il lavoro svolto in questi cinque anni - dichiara Ricotti -. Già in occasione del 50° compleanno sono stata coinvolta dal comitato di cui facevo parte con la funzione di interprete, proprio durante i festeggiamenti a Die con Gianluca Buonanno. Dal 2004 faccio parte del comitato ma questo nuovo incarico come presidente è sicuramente per me più gravoso, perché l’organizzazione tecnica e logistica del gemellaggio comporta sempre qualche difficoltà. Complessità che penso di poter risolvere con il supporto di tutto il bellissimo gruppo del comitato che in questi anni si è creato. Infine è per me molto coinvolgente come italo -francese partecipare attivamente a qualcosa che unisce queste due terre e queste due popolazioni di cui sono originaria e che amo in egual modo».

Dello stesso avviso anche il sindaco di Varallo Eraldo Botta, che dice: «Paola Riolo ha svolto un brillante lavoro con tanto impegno e oggi Nathalie sarà sicuramente una presidente all’altezza e con qualche opportunità in più, visto che è l’unica amministratrice varallese con origini d’oltralpe che la potranno supportare».

Una delegazione varallese sta partecipando a un incontro a Die con altre delegazioni inglesi, tedesche e ungheresi gemellate con la città francese di Die, per gettare le basi di futuri scambi varallesi anche con queste nazioni.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...