Notizia Oggi

Stampa Home

Lupi in Valsesia? Se ne parla questa sera al Cai di Borgo

Inizio alle ore 21
Articolo pubblicato il 17-11-2017 alle ore 14:12:42
Lupi in Valsesia? Se ne parla questa sera al Cai di Borgosesia 3
Foto d'archivio

Il lupo sarà al centro della conferenza di stasera, venerdì 17 novembre alle 21, presso la sede del Cai di Borgosesia. A parlare saranno i guardaparco dell’Ente di gestione delle aree protette della Valsesia, Tito Princisvalle e Mauro Bettini. Ed è Princisvalle che anticipa gli argomenti della serata. «Ci sono vari sistemi per controllare le notizie di avvistamenti - dice -. Magari in buona fede si crede di avvistare dei lupi, ma in base alle sole osservazioni fatte da persone non è possibile stabilirne la presenza. Inoltre è molto facile confonderlo con il lupo cecoslovacco, che di fatto è un cane, magari scappato dal padrone».

Princisvalle precisa che i lupi vivono solo in branco, che si forma da un maschio e una femmina dominanti. I cuccioli vengono allontanati presto e l’80 per cento è destinato a morte certa. Gli esemplari che sopravvivono vanno a colonizzare altri territori, ma non avendo avuto la capacità di apprendere forme di caccia, non riescono a catturare animali selvatici; così per procurarsi il cibo adottano strategie più invasive per l’uomo, attaccando animali domestici.

«Nell'alto Biellese - dice Princisvalle - c'è un lupo di 10 anni, la cui presenza è tutt’ora accertata. In Valsesia invece non abbiamo ancora trovato un branco. In Valle d’Aosta ci sono tre gruppi, di cui uno nella zona di Gressoney, i cui individui potrebbero aver sconfinato in Valsesia. Del resto i lupi percorrono parecchi chilometri. In alta Valsesia, nelle parti più remote, ci sono le potenzialità perché si formi un branco. In altre zone, più antropizzate, francamente penso sia difficile. Il lupo prima colonizza le aree con poca presenza umana».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...