Notizia Oggi

Stampa Home

L'Orchestra di Borgosesia sostiene la ricerca sulla fibrosi

Anche una marcia dedicata al presidente onorario Rino Cereda nell’esibizione della banda musicale cittadina
Articolo pubblicato il 02-12-2017 alle ore 15:31:33
L'Orchestra di Borgosesia sostiene la ricerca sulla fibrosi  1
L'Orchestra di Borgosesia sostiene la ricerca sulla fibrosi 1

L'Orchestra di fiati Città di Borgosesia sostiene le attività della Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica. La formazione si è esibita pochi giorni fa in omaggio a Santa Cecilia. Le offerte raccolte durante la serata verranno devolute al sodalizio benefico.

Ad aprire il concerto l’arpista Patrizia Virgone, inserita nell’organico dell’Orchestra, con la “Passacaglia” di Haendel, brano molto conosciuto perché era la colonna sonora dell’Intervallo. La prima parte del concerto di Santa Cecilia ha visto i musicisti diretti dal maestro Giancarlo Aleppo impegnati nella marcia “Einzungmarsh” firmata da Strauss junior, nella “Danza dei piccoli schiavi” dall’Aida di Giuseppe Verdi, in “Et maintenant” di Gilbert Bécaud, con una parentesi di musica folk. Nell’intervallo i saluti della vice presidente Maria Ausilia Festa Bianchet, del presidente onorario Guerrino Cereda, e dell’assessore Costantino Bertona, e uno spazio dedicato alla delegazione Valsesia e Vercelli della Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica, nata nell'ottobre 2016, la cui responsabile Clara Baldo ha presentato le tante iniziative e collaborazioni a cui l'associazione aderisce: a oggi sono stati raccolti circa 25mila euro destinati all'adozione di un progetto di studio, anche se l'obiettivo prioritario resta l'informazione su una patologia poco conosciuta e nemmeno tanto rara. Scopo della ricerca, finanziata attraverso donazioni e offerte, è di identificare molecole in grado di riparare il difetto genetico alla base della malattia.

La seconda parte del concerto ha proposto “Serenata” di Anderson, “Que sì, que no”, “L’amore è una cosa meravigliosa” interpretato dalla tromba di Fabrizio Botta, “Puppet on a string” di Sandie Shaw, e la marcia “Cav. Cereda for president” composta da Aleppo e dedicata al presidente onorario. «Il pubblico che affollava la platea - evidenzia Piera Mazzone - ha dimostrato tutto il suo gradimento con applausi lunghi e prolungati che hanno indotto il maestro a concedere tre bis, l’ultimo dei quali, “L’italiano” di Toto Cutugno, arricchito dagli assoli al saxofono soprano di Claudio Martinetti e al clarinetto di Mauro Besuzzi».

Il prossimo appuntamento con l’Orchestra di fiati sarà il concerto di gala del 9 marzo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...