Notizia Oggi

Stampa Home

Le opere di Virgilio Carnisio arricchiscono la biblioteca di Varallo

Egli è molto legato a Crevola
Articolo pubblicato il 08-01-2017 alle ore 13:37:51
Le opere di Virgilio Carnisio arricchiscono la biblioteca di Varallo 3
Virgilio Carnisio

Il fondo bibliografico della biblioteca di Varallo si arricchisce di altre pubblicazioni di Virgilio Carnisio, celebre fotografo milanese, strettamente legato alla Valsesia e a Crevola in particolare. «Il volume del quale è co-autore con Claudio Argentiero, Giuseppe Cozzi, Raffaele Montepaone, Alessia Recupero e Mario Vidor si intitola “Il Bel Paese, luoghi e genti d’Italia. Fotografie", Archivio Fotografico Italiano, 2016 - fa sapere Piera Mazzone, direttore della biblioteca -, e racconta l’Italia attraverso le immagini di grandi fotografi. Il libro si chiude proprio con una serie di fotografie di Carnisio dal titolo “Istantanee Italiane”». Sono scatti tratti dal preponderante archivio personale del fotografo, che ripercorrono tre decenni, dagli anni ’60 ai ’90.


Nel recente volume “100 e uno volti della fotografia italiana”, curato da Ermes Mereghetti, si riserva invece uno scatto a Carnisio, «ritratto nella sua casa luminosa ed essenziale - commenta Mazzone -, arricchita dalla presenza dei “tronchetti della felicità”, con una grande foto alle spalle, e buoni quadri alle pareti». La frase di Carnisio suggella una lunga carriera: “Fotografo perché voglio bene e non ho altro modo per dirlo”. E ora Carnisio torna nelle case dei varallesi con alcune delle sue storiche immagini, riprese dall’amministrazione comunale nel Calendario 2017 “servizio porta a porta dei rifiuti”: scatti che immortalano una Varallo che oggi ha un volto molto diverso.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...