Notizia Oggi

Stampa Home

La strage dell'alpe Fej nei ricordi dell'ultimo sopravvissuto

Sono trascorsi 73 anni da quel tragico fatto
Articolo pubblicato il 20-11-2017 alle ore 18:00:14
La strage dell'alpe Fej nei ricordi dell'ultimo sopravvissuto 3
Giulio Quazzola e Pino Cucciola, superstiti all’eccidio, all’alpe Fej il 7 novembre 1994

Sono trascorsi 73 anni dalla strega all’alpe Fej. I ricordi di quella tragedia, avvenuta il 7 novembre 1944 in Val Sermenza, rivivono ancora oggi grazie ai ricordi dell’unico sopravvissuto, il varallese Giulio Quazzola. Nato a Varallo Vecchio nel 1928, Quazzola giovanissimo si trasferì a Milano «dove - racconta Piera Mazzone, direttore della biblioteca civica di Varallo - venne assunto come operaio apprendista meccanico in una succursale dell’Isotta Fraschini, ma tornava settimanalmente a Varallo: nel periodo fascista i controlli erano strettissimi e bisognava sempre aver pronto il lasciapassare».

Ricorda Quazzola: «A Milano non tutte le notti si dormiva, la sirena suonava l’allarme, gli inglesi iniziavano a bombardare e tutti dovevamo ripararci nello scantinato». Fu in quel clima che maturò la decisione di salire in montagna e diventare partigiano, come racconta in un libretto disponibile in biblioteca, all’Istituto storico della Resistenza e nella sede Anpi di Varallo, in cui viene raccontato anche l’episodio che portò alla strage dell’alpe Fej.

«All’alba del 7 novembre 1944 - prosegue Mazzone - una spedizione di tedeschi e fascisti raggiunse e circondò le baite in cui alloggiavano i partigiani, ne uccisero in combattimento quattro e i loro corpi furono abbandonati tra l’incendio delle baite, altri sei furono portati come prigionieri a Rossa e cinque di loro furono fucilati a Balmuccia. Quell’episodio è stato anche ricordato da una raccolta poetica pubblicata da Pino Cucciola, Al Pueta dla Val, nel cinquantesimo dell’eccidio: il 7 novembre 1994».

Quazzola, oggi unico sopravvissuto alla strage, vuole mantenere vivo il ricordo del sacrificio di quei giovani che morirono per il sogno di un’Italia libera e democratica: «Oggi - dice - bisognerebbe riuscire a trasmettere ai nostri ragazzi un autentico amore per questo Paese e per coloro che hanno contribuito a costruirlo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...