Notizia Oggi

Stampa Home

In aumento le vaccinazioni contro il morbillo

Per gli adulti è necessario il ricovero in ospedale
Articolo pubblicato il 17-03-2017 alle ore 14:52:31
In aumento le vaccinazioni contro il morbillo 2
Foto d'archivio

La Regione Piemonte invita a vaccinare i bambini contro il morbillo, una malattia che, solo in questo modo, può essere debellata. Al momento la situazione è comunque sotto controllo: negli ultimi mesi del 2016 e fino a mercoledì sono pervenute 269 segnalazioni: 161 casi confermati in laboratorio, 36 con link epidemiologico ai casi confermati, 62 casi possibili, 10 non confermati in laboratorio.  Di questi 27 casi di contagio sono avvenuti in ospedale, 23 dei quali a carico di operatori sanitari (per i quali la vaccinazione è raccomandata e gratuita) e 4 a carico di pazienti ricoverati.

Per questo tutti gli ospedali sono stati  recentemente invitati a verificare  lo stato di protezione vaccinale dei propri operatori. Il 70% dei casi interessa giovani adulti (età superiore ai 20 anni). Il morbillo contratto in età adulta è più esposto a complicazioni e obbliga al ricovero ospedaliero.

Gli ultimi dati disponibili dicono che nel 2016 la copertura vaccinale è risalita di 2 punti percentuali, attestandosi al 91%, mentre in base alle indicazioni ministeriali e alle linee guida dell’Oms dovrebbe essere al 95%.

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...