Notizia Oggi

Stampa Home

Il dramma di Stefano, in coma da più di un anno

E' ricoverato in una struttura specializzata, e nel frattempo è diventato papà
Articolo pubblicato il 17-07-2017 alle ore 13:39:05
Il dramma di Stefano, in coma da più di un anno 1
Il dramma di Stefano, in coma da più di un anno 1

E' ancora in coma Stefano Ravedoni, il ragazzo che nell'aprile del 2016 era rimasto schiacchiato dal braccio di una gru. Per colpa di quel grave incidente sul lavoro Stefano Ravedoninon ha potuto essere in campo con il Fontaneto, ma le due vittorie conquistate quest’anno dalla società, nel campionato e in Coppa Piemonte, sono dedicate a lui. Del resto era stata proprio del giovane di Gozzano l’idea di dar vita a una nuova squadra di calcio dopo che il Maggiora (dove militava) si era sciolto. Ne aveva parlato con i compagni, con il mister Andrea Andreini, e insieme avevano deciso di riformare l’Anspi Fontaneto. Ravedoni è molto conosciuto nel mondo del calcio locale, aveva giocato a Ghemme e a Maggiora, poi il passaggio al Cureggio nell’attesa di far nascere la squadra di Fontaneto. Ma non ne ha avuto il tempo: ad aprile il drammatico incidente nell’impresa edile in cui lavorava. Attualmente è ricoverato in una struttura specializzata che si trova nei pressi di Parma, è in coma vigile e riceve costantemente le visite dei familiari e della compagna, che lo scorso mese di agosto lo ha fatto anche diventare papà di una bambina.

 

«Noi continuiamo a pensare a lui e a credere che possa migliorare - dice mister Andreini - e siamo felici per la nascita di questa bimba, è stato come un raggio di sole in una giornata di nuvole. Le vittorie conquistate la scorsa stagione sono state dedicate a Stefano, e non avrebbe potuto essere altrimenti: è stata sua l’idea di ricreare quel gruppo di giocatori, la sua volontà di essere di nuovo tutti insieme ci ha dato la spinta per far nascere la società e poi per conquistare la vetta della classifica e la Coppa Piemonte».

 

E dire che nel corso del campionato la vittoria non era così scontata: «La stagione è partita bene - dice ancora Andreini -, ma verso dicembre si è verificato un calo di tensione e abbiamo raggiunto il nostro picco negativo. Anche a livello di coppa non è andato tutto bene, abbiamo perso in malo modo una partita e le cose non sono migliorate con la ripresa. A metà del ritorno viaggiavamo tra la quarta e la quinta posizione e abbiamo deciso di concentrarci sull’obiettivo più fattibile, che era la coppa. Abbiamo cambiato modo di giocare, ritrovato la quadratura e, anche grazie al sostegno del pubblico, è iniziata la risalita. Alla fine abbiamo avuto la meglio, sia in campionato che con la Coppa Piemonte. E non potevamo fare altro che dedicare a Stefano queste vittorie».

 

Al momento la dirigenza del Fontaneto è al lavoro per mettere in piedi la nuova squadra, l’obiettivo è di incrementare la rosa e di ringiovanirla. «Vogliamo continuare sulla falsariga di quest’anno - conclude Andreini -; l’intenzione è come sempre quella di mettercela tutta».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...