Notizia Oggi

Stampa Home

Il Borgo calcio prepara il ''dopo Di Battista'' 

Chiusa una grande annata
Articolo pubblicato il 18-05-2017 alle ore 14:18:22
Il Borgo calcio prepara il ''dopo Di Battista''  3
Il Borgo volta pagina

Il Borgosesia Calcio volta pagina e comincia a programmare la prossima stagione. Sabato mattina dirigenti e tecnici della società granata hanno preso atto della scelta di Simone Di Battista di diventare direttore sportivo del Fiorenzuola. E il patron Michele Pizzi durante la riunione “plenaria” che si è svolta in sede, ha iniziato a svelare alcune novità per la prossima stagione. Il settore giovanile, ad esempio, passa nella mani di Guido Romei e Paolo Setti, da anni dirigente e allenatore. Della prima squadra e della Juniores nazionale, invece, continuerà a occuparsi Di Battista, anche se la società nei prossimi giorni dovrebbe annunciare il nome del nuovo direttore sportivo, e a ruota quello dell’allenatore. «Le scelte per ciò che riguarda mister e giocatori continuerà a farle Di Battista - spiega Pizzi - che però sarà qui a Borgosesia soltanto due giorni alla settimana. Per sostituirlo abbiamo già individuato una figura, e nei prossimi giorni dovremmo ufficializzare il suo nome. Ho parlato pure con Dionisi per capire bene quali sono gli obiettivi di entrambi e speriamo di poter ripartire con lui in panchina».

Per il Borgosesia resterà prioritario il settore giovanile, che nelle ultime due stagioni ha visto tutte e quattro le squadre qualificate alla fase regionale, senza dimenticare i ragazzi del vivaio che si sono affacciati alla prima squadra. «Il grande attaccamento ai colori sociali del Borgosesia di Romei e Setti non si discutono e credo che possiamo stare tranquilli nell’affidare a loro le sorti del nostro settore giovanile - riprende Pizzi - . Lavoreranno per il meglio e in questi giorni stanno prendendo le consegne da Di Battista. Per tutto il campionato tecnici e osservatori sono venuti a vedere i nostri ragazzi, a dimostrazione che la strada intrapresa è quella giusta».

Pizzi non è comunque rimasto sorpreso della scelta di Di Battista di accettare l’incarico di direttore sportivo del Fiorenzuola: «Simone ci aveva comunicato un mese fa la sua intenzione di intraprendere una nuova avventura fuori dal Borgosesia e noi gli abbiamo dato l’ok per sondare il terreno. Senza di lui qui a tempo pieno dovremo sopperire a una grande mancanza, ma non potevo trattenerlo perché cercava una nuova motivazione. A Borgosesia ha portato allenatori sconosciuti che sono già nella storia di questo club. Quest’anno siamo arrivati a 30 secondi dalla serie C, vincendo per la terza volta il premio per il maggior numero di giovani impiegati. Lavorare con lui è stato facile, abbiamo la stessa visione del calcio e per questo a me è bastato assecondarlo e difenderlo sempre».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...