Notizia Oggi

Stampa Home
Evento

Il battistero di Biella si colora di rosa per il Giro

Curiosità tra i cittadini
Articolo pubblicato il 19-05-2017 alle ore 07:53:46
Il battistero rosa
Il battistero rosa

Da alcuni giorni i biellesi che si trovano a passeggiare per le vie del centro si trovano di fronte a uno spettacolo inconsueto: di sera il Battistero di San Giovanni Battista si colora interamente di luce rosa. Rosa come la maglia del campione che sarà incoronato tra poco più di una settimana nella cornice di Piazza Duomo a Milano, aggiudicandosi la vittoria della storica edizione numero 100 del Giro d’Italia. E’ un omaggio che Enel Sole - la Società del Gruppo Enel si occupa della progettazione, realizzazione e gestione degli impianti di illuminazione pubblica - ha voluto rendere alla città di Biella, celebrando in maniera insolita e spettacolare il passaggio della Corsa Rosa nella città piemontese.

 

Il Battistero di San Giovanni Battista, risalente al IX secolo, è un edificio in stile romanico collocato nella zona centrale della città di Biella, tra Palazzo Oropa, sede del Comune, e il Duomo dedicato al Santo Stefano, patrono della città. Edificato sui resti di un antico sepolcreto di epoca romana, il Battistero è una costruzione in ciotoli e laterizi a pianta quadrata. All’interno sono presenti affreschi attribuiti al Maestro di Oropa e frammenti di dipinti risalenti alla fine del ‘200.

 

Siamo orgogliosi di avere reso omaggio al Giro d’Italia e alla città di Biella illuminando di rosa uno dei simboli maggiormente rappresentativi del suo patrimonio artistico, ha commentato Christian Sortino, Responsabile Zona Piemonte Settentrionale di Enel Sole. Il Giro racconta da più di cent’anni la storia e le peculiarità del nostro Paese in un lungo viaggio attraverso la Penisola; iniziative come questa confermano il legame che sa sempre unisce Enel al territorio e alle comunità, valorizzando i monumenti e gli spazi con un modo diverso e innovativo di rappresentare la luce e l’energia.”

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...