Notizia Oggi

Stampa Home

Gli alpini di Foresto piangono il capogruppo

Aveva lavorato alla Lanerie Agnona
Articolo pubblicato il 10-01-2017 alle ore 16:27:13
Gli alpini di Foresto piangono il capogruppo 2
Uberto Bertoncini

E' stato celebrato sabato il funerale di Uberto Bertoncini, morto a 74 anni, più di trenta dei quali trascorsi alla guida del gruppo delle penne nere di Foresto, dove era anche musico della Fanfara alpina. 

Classe 1942, Bertoncini era originario di Foresto. Dalla frazione si era trasferito a Borgosesia con la moglie Giulia con cui abitava in via Vittorio Veneto; dal matrimonio sono nate le figlie Rossana e Sabrina. Aveva lavorato alla Laneria Agnona.

Bertoncini ha dedicato la vita alla famiglia e alla frazione d'origine. A Foresto è stato per molti anni nella Fanfara Alpina e per oltre tre decenni capogruppo del gruppo alpini: «Appena congedato dal servizio militare - ricorda Bruno Epis, alpino di Foresto che durante il funerale ha rivolto il saluto del gruppo al defunto - si era avvicinato al gruppo di Foresto, prima come semplice alpino, poi consigliere e infine assumendo l'incarico di capogruppo, un ruolo che ha svolto finchè le condizioni di salute glielo hanno permesso. Ci diceva che noi eravamo la sua seconda famiglia».

Agli alpini Bertoncini ha dedicato impegno e passione: «Era una persona molto affabile, tranquilla e sempre responsabile nel suo incarico. Non ricordo abbia mai mancato un appuntamento, nè ai raduni locali e nemmeno a quelli nazionali. Abbiamo perso una parte fondamentale del nostro gruppo, ci attende ora il difficile compito di sostituirlo».
Il borgosesiano ha cessato di vivere nelle prime ore di giovedì all'hospice di Gattinara. Il funerale è stato celebrato sabato pomeriggio nella chiesa di Foresto dal parroco don Giovanni Bossi. Oltre alla moglie e alle figlie ha lasciato le sorelle Lucia e Ada.

Attualità

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...