Notizia Oggi

Stampa Home

Gattinara, un Capodanno con pellegrinaggio in Terrasanta 

Dal 26 dicembre al 2 gennaio
Articolo pubblicato il 11-10-2017 alle ore 14:17:03
Gattinara, un Capodanno con pellegrinaggio in Terrasanta  3
Betlemme, la Basilica della Natività

Feste di fine e inizio anno in Terrasanta per le parrocchie San Pietro di Gattinara e San Giorgio di Lozzolo. Insieme all’agenzia Spanna viaggi di Gattinara hanno organizzato un pellegrinaggio in programma dal 26 dicembre al 2 gennaio. Ad accompagnare la comitiva dei partecipanti sarà don Jarek Dobkowski, profondo conoscitore della Terrasanta, grazie agli anni che lì ha trascorso.

«I pellegrini descrivono spesso il loro pellegrinaggio in Terra Santa come un’esperienza che ha trasformato la loro vita – dice don Jarek - e hanno molta difficoltà ad esprimere la felicità assoluta provata durante questa esperienza spirituale, unica nel suo genere. Seguendo le orme di Gesù, alcuni pellegrini ritengono che il viaggio diventi un modo per avvicinarsi di più a Gesù stesso o per scoprire le radici della fede cristiana. Altri raccontano dell’appassionata sensazione di essere portatori di pace e riconciliazione o della sensazione di appartenenza al ricco scenario di storia religiosa che ispira ogni angolo di questa Terra Santa». Per informazioni contattare don Jarek al 349-1468323 o l’agenzia Spanna Viaggi allo 0163-832832.

Intanto è stato ufficializzato il programma. Si partirà martedì 26 dicembre alle 7 in autobus da Gattinara alla volta di Malpensa, per decollare alle 11,30 per Tel Aviv, dove si arriverà alle 16,30, per poi il trasferimento a Betlemme, la sistemazione in hotel e un incontro organizzativo. Mercoledì 27, mattinata dedicata a Betlemme, per visitare la Basilica della Natività, la Grotta di Late ed il Campo dei Pastori. Pranzo di gruppo in ristorante/hotel. Nel pomeriggio ci si sposterà ad Ain Karem per visitare il Santuario della Visitazione e il Santuario di san Giovanni Battista. Rientro in hotel per cena e pernottamento. Giovedì 28 mattinata dedicata alla visita di Gerusalemme: la Città Nuova, il monastero della Santa Croce, Il santuario del Libro, La Knesete ed il Palazzo del Gran Rabbinato. Nel pomeriggio si visiterà lo Yad Vashem a Wadi Qelt, luogo del battesimo di Gesù e rinnovo delle promesse battesimali a Qumran sul Mar Morto.

Al termine delle visite tappa a Tiberiade. Cena e pernottamento. Venerdì 29, giornata dedicata a Nazaret, con visita della Basilica dell’Annunciazione, la Grotta, la Chiesa di san Giuseppe, la Fontana della Vergine, la Sinagoga, la Cana di Galilea (rinnovo delle promesse matrimoniali). Nel pomeriggio visita a Cesarea, Haifa, Bahai tempio, Monte Carmelo, Monte Tabor. Rientro in hotel per cena e pernottamento. Sabato 30 giornata dedicata alle visite di Tabha, Beatitudini, Cafarnao, Lago di Tiberiade. Domenica 31 si potrà visitare Gerusalemme: il Monte degli Ulivi, l’Ascensione, Padre Nostro, Dominus Flevit, Basilica del Getzemani, Tomba della Madonna, la piscina probatica e la chiesa di Sant’Anna. Il primo gennaio la giornata prevede la visita della Via Dolorosa e il Santo Sepolcro, la fortezza Antonia, l’Arco Ecce Homo, Litostrotos, Cardo Maximus, il Muro Occidentale, le sinagoghe, il Cenacolo, la Tomba di Davide, la chiesa di Dormizione e San Pietro in Galicantum.

Al termine delle visite rientro in hotel e pernottamento e alle 3 di martedì 2 gennaio si partirà verso l’aeroporto di Tel-Aviv, con decollo alle 6,50 e arrivo alle 9,50 a Malpensa. La quota di partecipazione è di 1.250 euro (supplemento singola: 200 euro).

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...