Notizia Oggi

Stampa Home
Lavoro

Estate calda per i metalmeccanici vercellesi

Il punto della situazione della Cgil
Articolo pubblicato il 17-06-2017 alle ore 08:42:44
Foto di repertorio
Foto di repertorio

L'industria metalmeccanica è ancora in sofferenza nel Vercellese, ma qualcosa sembra muoversi in Valsesia. La Cgil fa il punto della situazione.

Alla Gammastamp si decide di aprire una procedura di licenziamenti individuali che coinvolgono tre lavoratori per soppressione del posto di lavoro: scelta discutibile e in controtendenza con il passato. 

Se questa è la decisione, la FIOM CGIL metterà in campo tutte le iniziative possibili per evitare che questa modalità diventi un destino segnato per i 100 e oltre esuberi dichiarati. 

 

Intanto, si apre una nuova stagione per la Officine Meccaniche Giovanni Cerutti: rimane infatti aperto il canale degli ammortizzatori sociali ma viene approvato anche un nuovo piano industriale con l'appoggio di due grossi fornitori e soprattutto grazie all'apertura della linea di credito delle banche. 

 

Nuove linee per doppi giunti alla Dana Italcardano di Crescentino: che sia la prima azienda vicina all'uscita dell'ammortizzatore sociale? 

 

Tuttavia in alcune aziende si continua a soffrire, alla Gammastamp di Bianzè e alla IFI di Santhia i lavoratori aspettano da due anni il pagamento degli stipendi, oltre a essere ancora un’azienda in regime di ammortizzatore sociale. 

 

Nella zona Valsesiana, negli scorsi mesi abbiamo rinnovato integrativi aziendali importanti in realtà realtà importanti come Tosi, Valvosider e MMV e -attraverso il meccanismo della de/contribuzione - qualche soldo in più è arrivato in tasca ai lavoratori. Ancora arenato, invece, il premio di risultato della Vir di Valduggia che da oltre 10 ann è fermo: i lavoratori nelle assemblee reclamano un rinnovo con obbiettivi più chiari. 

 

Nelle aziende artigiane molti hanno iniziato ad affamare i dipendenti: imparati i complessi meccanismi per riscuotere i crediti, le aziende se ne approfittano lasciando alla collettività i problemi e i debiti. Si veda la ditta DeGasperi di Vercelli che di questo meccanismo ne ha fatto un mestiere.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...