Notizia Oggi

Stampa Home

Coggiola, le donne del Genzianella campionesse italiane

Nei giorni scorsi la prova
Articolo pubblicato il 16-05-2017 alle ore 10:50:12
Coggiola, le donne del Genzianella campionesse italiane 1
Coggiola, le donne del Genzianella campionesse italiane 1

Tre atlete del Gs Genzianella di Coggiola sono le campionesse italiane di marcia alpina. Sonia Catella, Claudia Angelino Giorzet e Dina Lozeiro sono salite sul gradino più alto del podio con il della categoria Open femminile. Il riconoscimento è stato conquistato nei giorni scorsi a Cailina in provincia di Brescia. La prova a pattuglie è tra le specialità più impegnative della marcia alpina. Ogni gruppo formato da tre atleti e deve affrontare un percorso con lunghezza massima consentita di 18 chilometri.

Eppure il trio di frazione Viera ha dato lezione anche ai più agguerriti atleti maschi messi a confronto in un’unica categoria. Solo 143 penalità su sei settori per una lunghezza di circa 13500 metri, in un percorso reso insidioso dalla pioggia caduta nei giorni precedenti. Il passo non è mai stato sicuro, soprattutto in discesa dove il rischio di scivolare era sempre in agguato, ma anche nei due settori di salita il terreno pesante ha causato un disagio sia fisico che mentale. Ma al termine la bravura di queste atlete ha permesso di superare queste difficoltà mettendosi alle spalle le agguerrite atlete lombarde. A livello maschile 14° posto per il Gs Zegna con Emilio De Giorgis, Rodolfo Miotto e Alberto Maioni, al 21° la pattuglia sempre del Gs Zegna composta da Daniele Coda Caseia, Corrado Vallivero e Benvenuto Passuello, quindi 30° il Gs Genzianella con Mauro Perino, Giorgetto Brera e Stefano Angelino Giorzet, 43° il gruppo coggiolese formato da Vittorio Fontana, Stefano Piovan e Fabrizio Piras, 44° Gian Piero Canova con Pier Carlo Marchisio e Paola Moglia del Gs Zegna.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...