Notizia Oggi

Stampa Home

Coggiola, i privati regalano il terreno per la casa di riposo

L'edificio di via 4 novembre è una villa padronale in stile Liberty
Articolo pubblicato il 06-12-2017 alle ore 18:34:04
Coggiola, i privati regalano il terreno per la casa di riposo 2
Da anni la casa di riposo di Coggiola aspetta di poter essere ampliata

Grazie alla donazione di due privati si potrà realizzare l’ampliamento della casa di riposo di Coggiola. Nella riunione del consiglio comunale dell'altra sera è stata votata l’accettazione della donazione di un terreno utile per andare a risolvere il problema di distanze dal confine. Per il 2018 quindi si spera di poter avere il progetto definitivo a disposizione e veder aprire il cantiere per l’ampliamento della struttura.

La casa di riposo è stata ceduta in gestione alla cooperativa Anteo con l’impegno di occuparsi anche dell’ampliamento della struttura. Ma c’era un problema legato alla distanza dei confini, come spiega il sindaco Gianluca Foglia Barbisin: «In particolare, c’era un cuneo di terreno privato che entrava nell’area di proprietà comunale. C’era un problema di distanza dal confine dei vicini che non era rispettato; con questa donazione, e con l’area comunale che si amplia, possiamo stare più tranquilli». Sono stati contattati i proprietari del terreno che hanno dato l’approvazione per donarne una parte al Comune. «Non possiamo che ringraziarli per la disponibilità - riprende il sindaco -. In questo modo i progettisti potranno presentare senza preoccupazione il documento e avere il via libera al cantiere». 

Si spera di essere arrivati alle fasi finali. «Dai contatti avuti - aggiunge Foglia Barbisin - contiamo di poter vedere i lavori già dal prossimo anno». Il progetto iniziale di ampliamento della residenza per anziani presentato nell’ottobre 2016 è stato stravolto perchè la Soprintendenza delle belle arti ha sollevato una serie di perplessità sul documento iniziale. Il fatto è che la casa di via 4 novembre è una villa padronale in stile Liberty e quindi non si può farne ciò che si vuole. Anzi. Oltre a sistemare la struttura esistente si procederà anche a realizzare un nuovo corpo di edificio che non dovrà avere nessuna attinenza con il fabbricato principale, senza riprenderne lo stile.

Anteo ha preso in mano la struttura nell’ottobre 2015 vincendo il bando proposto dal Comune; l’obiettivo, con l’ampliamento, è di arrivare ad avere 30 posti letto andando a dare un servizio non solo agli autosufficienti, ma anche ai non autosufficienti. Nell’ultimo periodo la struttura per anziani ha avuto una media di 20 ospiti ed è praticamente a regime. Inoltre sono partiti diversi progetti coinvolgendo gli anziani. Altro aspetto da non dimenticare sono i lavori per adeguare la struttura alle disposizioni dell’azienda sanitaria. La donazione è di Bruno e Gianni Clerico Titinet.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...