Notizia Oggi

Stampa Home

Cancro all'utero, Borgosesia ospedale all'avanguardia

Nel reparto ginecologia e ostetricia
Articolo pubblicato il 23-06-2017 alle ore 06:18:56
Cancro al'utero, Borgosesia ospedale al'avanguardia 3
Cancro al'utero, Borgosesia ospedale al'avanguardia 3

Due donne operate per un cancro all'endometrio dell'utero con una tecnica innovativa meno invasiva, più rapida, e che è andata a individuare con molta precisione le cellule sane e quelle ammalate. Il doppio intervento è stato eseguito l'altro ieri all’ospedale di Borgosesia, nel reparto di ostetricia e ginecologia diretto dal dottor Enrico Negrone. 

 

In sintesi, le due pazienti sono state trattate identificando il linfonodo sentinella tramite il sistema “Icg” (indocianina verde). Si tratta dell’evoluzione migliorata della tecnica più tradizionale: nella procedura classica è previsto prima il passaggio in medicina nucleare per il trattamento con radiofarmaco, mentre in questo caso la sostanza viene somministrata direttamente in sala operatoria dopo l’anestesia generale.

 

«Dopo pochi minuti dalla iniezione nel collo dell'utero – spiega Negrone -, utilizzando una tecnologia particolare della telecamera collegata alla ottica laparoscopica si evidenzia il primo linfonodo che viene asportato e fatto subito analizzare per stabilire il miglior approccio all’intervento. L'assenza di tumore nel linfonodo sentinella assicura la negatività di tutti i linfonodi regionali con un valore predittivo negativo pari al cento per cento. Questo esclude la necessità di asportare tutti i linfonodi per l'esame istologico e di ridurre le complicanze post chirurgiche. La riduzione della complessità chirurgica permette altresì di affrontare la maggior parte di queste patologie per via laparoscopica, riducendo ulteriormente la morbilità a breve e lungo termine migliorando così la qualità di vita delle pazienti».

 

In sala operatoria insieme al dottor Negrone, erano presenti i colleghi delle unità di Mondovì, Andrea Puppo, e di Savigliano Andrea Bianciotto; entrambi utilizzano già da tempo l’Icg, ora approdato anche al Santissimi Pietro e Paolo di Cascine Agnona. La tecnica utilizzata ieri all’ospedale di Borgosesia viene già utilizzata con successo al “Maggiore della Carità” di Novara, struttura di riferimento per tutto il quadrante del Piemonte Orientale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...