Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia, torna la festa alpina al colle dell'Assunta

Le giornate saranno all'insegna di manicaretti e momenti di condivisione
Articolo pubblicato il 12-08-2017 alle ore 09:29:53
Cuochi e camerieri della scorsa edizione
Cuochi e camerieri della scorsa edizione

E' partito il conto alla rovescia per i festeggiamenti al colle dell'Assunta di Foresto. E' il gruppo alpini della frazione a organizzare il raduno, concentrato su tre giornate che comprendono anche le celebrazioni religiose al santuario mariano.

Si inizia lunedì per concludere mercoledì, con un nutrito programma varato dalle penne nere del gruppo intitolato alla medaglia d'argento Giovanni Foglia. La prima giornata si aprirà con l'arrivo della fiaccolata al santuario della Madonna assunta, proveniente dal santuario omonimo di Cravagliana, per l'accensione del braciere. Sarà già possibile cenare con grigliate, mentre alle 20.30 si muoverà la processione che da piazza Borella porterà al colle dell'Assunta. Saranno presentati i filmati dedicati alla posa della croce al monte Luvot.

Martedì ricorre la festa religiosa della Madonna assunta, con la celebrazione della messa solenne alle 11; seguirà il pranzo, nel pomeriggio vespro, benedizione e incanto delle offerte; la giornata sarà allietata dalla Fanfara alpina di Foresto. La cena avrà menù alla carta con primi piatti, grigliate di carne e fritto misto di pesce, accompagnata dalla musica del “Duo distratto”. Mercoledì 15 sarà il giorno del raduno alpino: ritrovo alle 9.30 e aperitivo di accoglienza e alzabandiera prima della messa delle 11 in ricordo dei caduti della Grande Guerra. Poi il pranzo alpino, pomeriggio con le note della Fanfara, la cena (primi piatti, grigliate di carne e fritto misto di pesce) e le danze con il duo “Edddddaie”. Le manifestazioni si svolgeranno tutte al coperto. Per le prenotazioni telefonare al numero 347.5836.945.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...