Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia ''scoperta'' nei festivi: «Rivedere i turni delle farmacie»

Articolo pubblicato il 15-01-2018 alle ore 18:24:25
Borgosesia ''scoperta'' nei festivi: «Rivedere i turni delle farmacie» 4
Borgosesia ''scoperta'' nei festivi: «Rivedere i turni delle farmacie» 4

È uno dei centri più grandi della provincia, ma questo non ha impedito a Borgosesia di trovarsi, qualche volta, senza farmacie di turno durante i festivi. «Così come è capitato il giorno dell’Epifania - riferisce il sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani - quando le quattro farmacie cittadine erano tutte chiuse. Non è la prima volta che capita, purtroppo, costringendo chi a bisogno a trasferte a Grignasco, fuori provincia, o a Varallo. Si tratta comunque di svariati chilometri di strada. Penso alla difficoltà che questo comporta per le persone anziane o sole. Molti cittadini si sono lamentati della situazione attraverso i social media».

La programmazione territoriale dell’Asl Vercelli per i turni delle farmacie prende in considerazione un territorio che comprende Borgosesia e Varallo. «Per questo motivo intendo informare il direttore generale Asl, Chiara Serpieri affinchè in qualche modo vengano riviste le turnazioni, al fine di garantire sempre una farmacia aperta a Borgosesia. Vi sono tante lamentele da parte di cittadini malati che, dovendo prendere dei medicinali con ricetta, devono fare chilometri. Non è una situazione accettabile».

Le farmacie, pubbliche e private, costituiscono una “rete” che nel loro complesso assicura al cittadino la disponibilità del farmaco in ogni momento, anche di notte, nei giorni festivi e durante le ore di chiusura diurna, quindi 24 ore al giorno, sette giorni su sette, 365 giorni all’anno. Per questo il territorio della provincia è stato suddiviso in “zone” entro le quali c’è sempre un adeguato numero di farmacie che “a turno” coprono il servizio.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...