Notizia Oggi

Stampa Home

Alla stazione di Ghemme arrivano Snoopy e la Pimpa

Verrà ripristinata anche un’antica vigna che sorge su quel terreno grazie alla produttrice Katia Sebastiani
Articolo pubblicato il 12-08-2017 alle ore 09:09:06
Alla stazione di Ghemme arrivano Snoopy e la Pimpa 1
Alla stazione di Ghemme arrivano Snoopy e la Pimpa 1

La Pimpa, Snoopy e una giraffa di Mordillo saranno i protagonisti della stazione di Ghemme. L'associazione Carnevalspettacolo sta cercando di dare nuova vita all'area della stazione con le sue creazioni ispirate al mondo dei fumetti, ricordi di oltre vent'anni di Carnevale segnati da collaborazioni con artisti di spicco.

Circa un anno fa, il sodalizio ha ottenuto in comodato d'uso gratuito da Rfi l'area della stazione ferroviaria: attorno al deposito, sorge una grande zona verde, per un totale di circa 6mila metri quadrati. Un'area che ora l'associazione sta lavorando per riabilitare, per poi metterla a disposizione di tutti: «L'idea è quella di creare un'area destinata all'uso pubblico – spiega il direttore artistico di Carnevalspettacolo, Carlo Olivero – potrebbe essere utilizzata per portarvi i bambini, per fare passeggiare i cani o per essere messa a disposizione di chi voglia fare qualcosa».

L'associazione, infatti, non intende solo abbellire la zona grazie alle sagome e alle sculture ispirate ai personaggi di fantasia dei più importanti fumettisti, ma anche realizzare delle piccole opere utili: fra queste, l'allestimento di un palco per eventi o per delle prove. Sorgerà inoltre una recinzione che impedisca l'accesso ai binari: a “guardia” dei punti di giuntura ci saranno le sagome colorate.

Comprensibilmente, però, per il sodalizio diventa difficile realizzare tutto da solo e chiede l'aiuto di tutti, anche in vista del fatto che l'area, un domani, sarà fruibile dall'intera comunità. «Siamo aperti alla massima collaborazione – prosegue Olivero – e chiediamo a tutta la comunità di darci una mano». Al momento, il progetto ha potuto contare sul sostegno dell'azienda Ponti, che si è resa disponibile a fornire alcune strutture, e degli Antichi Vigneti di Cantalupo, che hanno più volte tagliato l'erba. La produttrice Katia Sebastiani, inoltre, ha messo a disposizione le sue competenze per curare un'antica vigna che sorge sul terreno. L'associazione conta ora di chiedere aiuto ad altre realtà industriali del territorio. Oltre a qualche migliaio di euro per le spese vive, però, serve soprattutto buona volontà: da qui l'appello dell'associazione affinché più cittadini possibili contribuiscano ai lavori, per dare concretamente vita a questo piccolo ma suggestivo “paese dei fumetti”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...