Notizia Oggi

Stampa Home
Appuntamenti

Alla scoperta della Grande Guerra con l'associazione Wild

Prima tappa il 28 febbraio
Articolo pubblicato il 27-01-2018 alle ore 10:47:15
Un tour per capire la Grande Guerra
Un tour per capire la Grande Guerra

L’associazione Wild attiva nel promuovere eventi culturali e di promozione del territorio dell’alta Valsesia è da sempre sensibile agli avvenimenti storici che hanno caratterizzato il passato del popolo italiano e per questo, nella ricorrenza del centenario della Grande Guerra 1918 - 2018 organizza escursioni sui sentieri dove morirono migliaia di giovani soldati.
Gae Valle, presidente dell’associazione e organizzatore delle escursioni sostiene che «Avere memoria storica è importante per capire il passato ma anche per essere fautori del nostro futuro. Visitare le montagne che furono teatro della Grande Tragedia, vedere trincee, postazioni, gallerie, le profonde buche di migliaia di granate, le migliaia di loculi del sacrario e ritrovare reperti, permetterà di ricostruire un quadro chiaro degli avvenimenti e capire l'assurdità della guerra, forse più della lettura di testi storici perché la visione ha capacità maggiore di commuovere».
Le escursioni, alcune accompagnate dallo storico e scrittore Alessandro Orsi, saranno in totale quattro. Primo appuntamento fissato per il 28 febbraio sulla linea Cadorna del Montorfano, quindi il 12 e 13 maggio l’associazione Wild arriverà a visitare le 52 gallerie del Monte Pasubio. Le escursioni continuano tra il 9 e 10 giugno sulle Dolomiti per la visita della Cima Lagazuoi attraverso la galleria di Mina e alle Tre Cime di Lavaredo e Monte Paterno. Ultima tappa sarà il 16 e 17 giugno al Monte Grappa. Per informazioni o dare adesione di partecipazione, scrivere ad associazionewild@gmail.com o telefonare al 366.2843359 entro il 10 di febbraio.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...