Notizia Oggi

Stampa Home
Investimenti

Alagna-Mera, un altro passo verso la fusione

L'unione entro l'estate
Articolo pubblicato il 07-02-2018 alle ore 07:49:44
Tra Alagna e Mera si parla di fusione
Tra Alagna e Mera si parla di fusione

Monterosa 2000 e Alpe di Mera Spa hanno dato il via al progetto fusione delle due stazioni sciistiche, un ulteriore passo in avanti nell’interesse del turismo e del territorio. Nelle due assemblee separate le società hanno votato di fatto dando il via all'operazione. Tutti i soci si sono presentati e adesso si possono fare gli ulteriori passi. Anche perchè per arrivare alla fusione vera e propria bisognerà attendere qualche mese.
Le assemblee
Monterosa 2000 ha radunato Pierluigi Prino, presidente dell'Unione montana, Gabriele Maria Simonetti di Finpiemonte, Alessandro Ciccioni della Camera di commercio Biella e Vercelli, Angelo Dago per la Provincia di Vercelli, oltre ai sindaci Roberto Veggi di Alagna, Alberto Giacomino di Riva Valdobbia e Andrea Gilardi di Scopello, oltre al Cda retto da Luciano Zanetta come presidente, quindi Gianni Filippa vice e dai consiglieri Cesare Ponti e Guido Rossi. Alpe di Mera Spa invece ha dato fiducia all'amministratore unico Luciano Ferro che ha preso parte all'assemblea con i rappresentanti dell'Unione montana Valsesia, Ciccioni della Camera di commercio Biella e Vercelli, Dago per la Provincia oltre ai sindaci di Scopello, Pila, Piode, Scopa e Varallo. Quello di lunedì è stato un nuovo passaggio fondamentale dopo che già lo scorso marzo in Regione era stato siglato l’accordo di programma per il completamento del sistema sciistico della Valsesia.


L'obiettivo della fusione è di dare un servizio completo. Alagna e Mera di fatto hanno clientele diverse, prossimamente saranno discusse anche le strategie e le idee in modo poi da arrivare alla prossima stagionale invernale con un nuovo assetto.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...