Notizia Oggi

Stampa Home

A Ghemme l'addio a Graziella Sanseverino

Aveva 69 anni
Articolo pubblicato il 01-01-2017 alle ore 16:07:43
A Ghemme l'addio a  Graziella Sanseverino 2
Graziella Sanseverino

Si è sentita male per strada, in via Ruga Ferrera, ed è morta nonostante i disperati tentativi di rianimarla. Ghemme in lutto per la scomparsa di Graziella Sanseverino. La donna, che aveva 69 anni, lascia il marito Carlo Adamo e i figli Carmela, Mimmo e Franco. Sanseverino è conosciuta a Ghemme soprattutto per aver prestato servizio per tanti anni come donna delle pulizie in municipio e in alcuni condomini. Per questo l’amministrazione comunale ha voluto partecipare al lutto della famiglia con un’epigrafe.

Un ricordo particolare gliel’ha riservato Alfredo Corazza, che l’ha conosciuta bene essendo stato sindaco per quasi 15 anni: «Non ci sembra vero che la nostra Graziella non ci sia più. Non sembra accettabile che non la si possa più incontrare, sempre indaffarata e con il sorriso sulle labbra. Una piccola, grande donna. Sempre al servizio di altri, sempre con grande abnegazione e correttezza. Dedita alla sua famiglia e sempre preoccupata di fare fino in fondo il suo dovere che faceva sempre alla grande. Me la ricorderò sempre quando vinte le elezioni al mio primo mandato, mi si avvicinò temendo di non poter più essere utile. Che sorriso quando le dissi che nulla sarebbe cambiato, perché quando le cose vanno bene, non si cambiano. Da allora tanto duro lavoro. Anche facendo da balia a tante altre donne, a lei affiancate, di volta in volta, per socio assistenza. Una maestra che certo non approfittava della discepola. Un grande esempio di lavoratrice. Mai un filo fuori posto, mai qualcosa da eccepire sul suo lavoro. Anzi solo lodi. Quante preoccupazioni da grande madre di famiglia. Quanti crucci per il destino dei figli. Quanti lavori fatti per mandare avanti la casa. Sempre in movimento, sempre gioviale e con il sorriso pronto. Ci mancherà, soprattutto il suo senso del dovere, la sua correttezza, la sua bonomia».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...