Notizia Oggi

Stampa Home

A Crevacuore arrivano due speed-check

Il sindaco assicura che non saranno solo di figura
Articolo pubblicato il 11-01-2017 alle ore 17:34:32
A Crevacuore arrivano due speed-check 2
La strada per Postua e Giunchio

In paese si corre troppo e così il Comune corre ai ripari adottando gli speed-check, strumenti tanto criticati ma comunque efficaci. «Stiamo chiedendo diversi preventivi alle ditte specializzate - conferma il sindaco Massimo Toso -. E’ un intervento che verrà fatto direttamente dal Comune, anche se il tratto non è di nostra competenza. Chiederemo il permesso alla Provincia di Biella sperando che arrivi in tempi brevi».

Ma Toso non vuole soltanto dissuasori. «Non vogliamo posizionare le colonnine - fa notare -, ma inseriremo anche il telelaser in modo che ci sia un controllo con i vigili e avere un risultato efficace». Già individuate le zone dove mettere gli speed-check: «Stiamo pensando di posizionarli sia verso la strada che arriva da Pray, sia verso quella che porta a Giunchio e Postua - riprende Toso -, Valuteremo poi se inserirli anche nella zona di Azoglio. Nei primi due casi si tratta di vie dove si affacciano diverse abitazioni e dove bisognerebbe rispettare il limite dei centri urbani, purtroppo qualcuno si diverte ancora a esagerare con l’acceleratore». 

Tra l’altro, lungo la strada che dal centro di Crevacuore porta a Postua da anni si chiedono provvedimenti per limitare la velocità: dopo la morte di Stefania Valle nel 2009, investita sul ponte del rio Bodro da un pirata della strada, si era parlato di ampliare proprio il manufatto che attraversa il torrente, opera che però la Provincia non ha mai finanziato anche se è stata annunciata più volte. Si era parlato anche di mettere un freno alle folle corse delle auto lungo il rettilineo che passa in mezzo a decine di abitazioni. Ora finalmente, a distanza di quasi otto anni, sembra che qualcosa finalmente si muova. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...